ro_sj_pausa_wooden_church_3

Eccomi nuovamente ad affrontare questo argomento…..ma mi preme molto parlarne, mi rendo conto che si viaggia a mille, si da il massimo, si cerca di ottenere tutto e di accontentare tutti…..ma noi siamo felici cosi? Stiamo bene? Ci sentiamo realmente gratificati da tutto questo?

Parlando con voi mi rendo conto che alla fine , un po per mancanza di tempo, di considerazione , di motivazione e altro, capita che ci mettiamo un po’ da parte, e la famosa frase….inizio poi domani…..si rimanda per troppo tempo, fino a quando, mettersi da parte diventa una routine. Ma cosa succede dopo un po? I nostri bisogni, le nostre esigenze si fanno sentire, il nostro corpo ne risente, diventiamo nervosi e le cose che dovrebbero essere affrontate in modo piacevole, diventano impegni pesanti da portare a termine, con fatica e rabbia.

Tutto diventa un problema, il lavoro, la famiglia, la bellezza , si finisce per ridere poco, si finisce per allonarsi da se stessi,  si finisce per guardarsi allo specchio e non riconoscersi.

Cosa fare?? quando ci accorgiamo che la mattina abbiamo perso un po l’ entusiasmo della giornata, quando perdiamo la gioia nelle cose che obbiettamente dovrebbero darcela, quando vorremmo allontanarci , quando non vediamo l ‘ ora che la giornata finisca, mettiamoci in moto per ribaltare la situazione, non c’ e’ nulla che non funziona, e’ il nostro modo di porci davanti alle cose che e’ cambiato, la famosa regola del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno, il livello e’ lo stesso , e’ lo stato d’ animo nel percepirlo che e’ diverso. Spesso soffochiamo i nostri sentimenti, le nostre esigenze, per paura del giudizio, del fallimento ecc, invece prendiamoci una pausa, quando sentiamo questo peso, e cerchiamo di resettare, rendiamoci conto che siamo noi a gestire la nostra vita, gli avvenimenti accadono, le situazioni possono essere avverse, ma dentro di noi, abbiamo un mare di risorse per affrontare tutto, condividere necessita’ , gioia, paura, aiuta, non isoliamoci e guardiamo la vita per quello che e’ e traiamo da essa tutto cio’ che ci puo’ fare crescere. Ascoltarsi , o meglio imparare a farlo, e’ un accrescimento positivo che ci permettera’ di vivere la nostra esistenza al cento per cento.C e’ chi riesce da solo, chi con l’ aiuto di qualcuno, ma e’ una risorsa che abbiamo tutti, prendersi tempo per se stessi, e’ il principale impegno che dobbiamo porci se vogliamo vivere una vita felice e consapevole, godendo di tutte le cose meravigliose che accadono e potendo affrontare carichi i momenti bui che purtroppo sul cammino di chiunque si presentano.

Ogniuno scopre con il tempo il suo modus, chi attraverso lo yoga riscopre se stesso, chi avvicinandosi al contatto con la natura, con un buon amico, insomma fermiamoci e cerchiamo di prenderci cura di noi, rispettiamoci in primis, e tutto piano piano funzionera’ meglio….